Bentrovati amici! sono tornata giorni fa dal mare e la routine di tutti i giorni mi ha risucchiato. Ho passato l’ultima settimana a disfare le valigia e a concludere le cose che avevo lasciato in sospeso. Dovrei pensare ad un altra partenza, le mia seconda seconda settimana di ferie ad agosto sta arrivando ma dei problemi in famiglia mi stanno annebbiando la testa, quando hai un pezzo del tuo cuore che non sta bene e tu non puoi fare niente, tutto il resto ti sembra inutile, non so se vi è mai capitato ma spero per voi di no. Ovviamente si cerca di essere ottimisti e uniti ma è veramente difficile. Dopo questa parentesi piena di “gioia”, alcuni lettori avranno già abbandonato la lettura del mio articolo, scrollando dritti alla ricetta, purtroppo non posso farci nulla….ma per chi invece ha perso quei due minuti per leggere, ti ringrazio!

Questa ricetta è proprio per te allora! una ricetta davvero TOP! di quelle che già al primo colpo vengono benissimo!

Il gelato croccante alle amarene è uno di quei gelati che conosci da una vita, quello che alternavi con un cremino e un fior di fragola sotto l’ombrellone. Grazie al genio Enrica “Chiarapassion”, ho ripreso la sua ricetta, che impazza nel web da un po, e rifatta subito dimezzando le dosi.

Gelato croccante alle amarene - senza gelatiera

Porzioni 7 porzioni

Ingredienti

Per la torta gelato

  • 250 ml panna fresca da montare
  • 195 g latte condensato
  • 1 vasetto amarene Fabbri

Per la copertura croccante

  • 1 confezione glassa al cacao Pane degli angeli ( o leggi nelle note)
  • 100 g nocciole
  • 100 g mandorle pelate
  • 50 g zucchero bianco
  • 1 cucchiaio acqua

Istruzioni

  • Montate la panna ben ferma e aggiungete il latte condensato a filo. Mescolate delicatamente con una spatola con dei movimenti dall'alto verso il basso per non smontare il composto.
  • Scolate le amarene dallo sciroppo e tenetele da parte. Fate aderire della pellicola alimentare all'interno di uno stampo da plumcake, facendo attenzione ai bordi. Versate metà del gelato e inserite metà delle amarene. Versate il rimanente gelato e le ultime amarene. Con uno stecco lungo fate dei movimenti circolari per variegare il gelato. Mettete in congelatore per almeno 8 ore o meglio tutta la notte.
  • Preparate le copertura: In una padella mettete 1 cucchiaio di acqua e 50 g di zucchero e fate sciogliere a fiamma bassa. Quando si formano tante bolle e il colore diventa più dorato, aggiungete la frutta secca e mescolate con un cucchiaio. Lo zucchero all'inizio farà dei grumi ma poi si scioglierà per attaccarsi alla frutta secca. Quando la frutta è ben pralinata, ci vorranno circa 5-8 minuti, fatela raffreddare su un tagliere rivestito di carta forno. Riducete la frutta secca a piccoli pezzetti utilizzando un coltello e mettetela da parte.
  • Fate sciogliere la glassa seguendo le istruzioni sulla confezione. Riprendete la torta gelato dal congelatore, con attenzione fatela uscire dallo stampo e sistematela su un piatto da portata ( la pellicola in questo caso sarà molto utile perché vi aiuterà ad estrarre con facilità dallo stampo). Fate leggermente intiepidire la glassa e versatela sulla torta gelato. Mi raccomando fare uno strato sottile di glassa, perché altrimenti raffreddandosi avrete problemi a tagliarla. Decorate subito prima che si solidifichi con la fretta secca pralinata. Conservatela in freezer e tiratela fuori 10 minuti prima di servirla. Accompagnate le fette di torta gelato con lo sciroppo di amarene che vi è rimasto.

Note

  • ricetta tratta dal Blog di Enrica ChiaraPassion

Non ho voluto tritare molto la frutta secca ma lasciare alcuni pezzi interi e le fettine le ho nappate con lo sciroppo delle amarene.

Se ti è piaciuta la ricetta e vuoi rifarla e fotografarla, seguimi su Instagram @juls_cooking_with_julia , taggami e condividi la tua creazione con l’hashtag #cookingwithjulia . Entrerai nella mia gallery!

Alla prossima!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Recipe Rating




Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.