Buon lunedì!! si comincia la settimana in modo molto fiacco …mi riprenderò?!!? nel frattempo non vi abbandono e vi lascio con questi panini molto delicati….

 Ingredienti:
280 gr latte
intero
3 cucchiai olio
extra vergine d’oliva
25 gr lievito
fresco o 1 bustina lievito secco
1 cucchiaino
colmo di zucchero semolato
1 cucchiaino
colmo sale fino
500 gr farina
Manitoba
q.b. latte
tiepido
1
tuorlo
semi di zucca secchi
Procedimento:
Sulla spianatoia versiamo la
farina e il sale. Sciogliamo il lievito e lo zucchero in mezzo
bicchiere di latte tiepido (ovvero parte dei 280 gr indicati) e lo aggiungiamo alla
farina, unendo anche l’olio e la rimanente acqua. Impastiamo con cura per circa
10 minuti, fino ad ottenere un impasto morbido, liscio ed elastico. Copriamo con
pellicola da cucina e mettiamo a riposare per almeno 40 minuti.
Al
termine della lievitazione prendiamo l’impasto e suddividiamolo in piccoli pezzi
(circa 30 gr l’uno). Per dar loro la forma tiriamo leggermente l’impasto verso
il basso in modo che la superficie risulti liscia e creiamo dei piccoli panini
che poseremo sulla leccarda rivestita di carta forno. Spenneliamo le superfici
con del latte tiepido e facciamo lievitare coperti con un canovaccio pulito per
ancora circa 1 ora e mezza. Prima di infornare spenneliamo ulteriormente le
superfici con il tuorlo e a piacere spolverizziamo con dei semi di zucca secchi
Alla prossima e bon appetit!!!

14 commenti

  1. Se inizierai la settimana con questi panini ti riprenderai sicuramente! Un abbraccio Giulia, buonissimi!!

  2. Anche io fiacca da morire, bisogno disperato di ferie e invece….niente!!! Almeno per ora!
    Vabbè, consoliamoci con i tuoi panini, per me i semi di zucca sono una droga!!! 🙂
    Un bacio Giuli, buona giornata!!!

  3. Li immagino con un velo di marmellata rossa sopra, di ciliegia o ai frutti di bosco… una tazza di tè (tiepido ormai!) e una bella giornata davanti da vivere…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.